giovedì 23 aprile 2015

PERSONE.

Questo è un momento speciale, questa notte il vento comincia solo ad anticiparlo.
Io sto seduta sul tetto di casa mia, con un sorriso in sordina per non svegliare chi dorme, ma fargli comunque compagnia.
Vorrei vi fermaste anche voi, apriste la finestra e annusaste l'aria, la respiraste e poi, chiudendo gli occhi, ascoltaste.
Comincia ad avere un odore, un sapore, una forma, la sensazione sempre più tangibile di una nostra rivoluzione umana. Sembriamo magici serpenti, Ci Striscia sottopelle quella trasformazione fino ad ora invisibile agli occhi, ma mai sfuggita ad uno sguardo più attento.
Vi auguro di gustarvela, mentre con stupore si manifesta in ognuno dei vostri giorni, in ciascuna delle vostre notti.
E' LA MERAVIGLIA che accade e a determinarla siete solo voi. Voi che la sognate, la desiderate, non la contrastate e anche quando si addensano nuvole e nebbia nel vostro cielo di terra, continuate ad avere il coraggio della FIDUCIA.
Avrete una energia talmente forte da propagarvi nel mondo come infiniti fili rossi, anche se camminerete soltanto in giro per gli ISOLATI della vostra QUOTIDIANITA'. E quando avrete coscienza di questo, dopo la diffusione libera delle vostre frequenze, comincerete a viaggiare veramente ovunque, per scoprire, per vedere, per conoscere e quindi, continuare a conoscervi. 
E incontrerete PERSONE.
Sentitele.
Condividetevi e condividetele.
Perchè chi incontriamo ha sicuramente qualcosa da dirci e noi, abbiamo qualcosa da dire a lui.
Ci stiamo accorgendo quanto questo incantesimo sia sempre più frequente.
Il sapere che ci "passiamo attraverso" senza che esista un tempo o uno spazio, che ci RICONOSCIAMO come da una eternità, ci lasciamo e troviamo all'infinito. E CI AIUTIAMO a ESPERIRE la vita, a scoprirne la vera essenza, cui non sappiamo dare un nome perchè SEMPLICEMENTE E'.
Incontratevi. Siate I MIGLIORI TRAGHETTATORI gli uni per gli altri.
Sentitevi. Siate di VOCABOLARIO ALLE VOSTRE EMOZIONI.
Ascoltatevi. Siate GUIDA e DISCEPOLO senza mai gerarchia.
TENETEVI gli uni nelle vite degli altri oppure SALUTATEVI: ma ringraziatevi, sempre per ciò che vi siete dati e anche per quello che non vi siete riusciti a dare. Sarà stato comunque importante.


Fotografo: Malì Erotico,
Riproduzione del quadro IL QUARTO STATO, Pellizza da Volpedo.
XXI Aprile, Festa della liberazione di Bologna, Pratello.




Nessun commento:

Posta un commento