venerdì 5 aprile 2013

IL POTERE DELLA TRANSIZIONE.( per Giorgia e sua figlia Viola che suona il violino.)


Ancora prima di vederti gli occhi
mi giunge in eco
e da tutte le parti
la triste musica delle lacrime tue.
Sono note dolenti
le immagino sciogliersi nere
sul pentagramma pallido del tuo bel viso.
Ti accolgo
Nuova Donna
Ti abbraccio         
Donna Nuova
mentre nasci ed esci
smarrita e coraggiosa
dopo tanto vagare inquieto.
Posa tra queste mani
i tuoi frammenti.
Voglio nutrirti di luce
per sparpagliarti a stelle
in mezzo al giardino del mondo.
Questo tuo dolore
Non è che il seme
dello stupore per ciò che verrà.


Non dimentichiamoci mai che solo "dal caos si generano stelle danzanti"....La semina è fatica, ma la pazienza vissuta con il sorriso annulla il tempo...e in risate succose, d'improvviso, nascono frutti...

1 commento: